Cos’è la Slow Cosmetique?

La Slow Cosmetique è un movimento nato per sensibilizzare i consumatori sul tema della cosmesi e promuovere un consumo naturale, sano, ragionevole e più critico dei cosmetici, senza trascurare l’aspetto ecologico e mediatico del tema!

Oggi la cosmesi è ovunque, rappresenta un mercato enorme ed i margini di profitto sono importanti. Le Aziende investono miliardi per ricercare l’ingrediente più innovativo e poi lo pubblicizzano all’esasperazione, facendoci credere che i cosmetici possano garantire giovinezza eterna, riempimento di rughe, cancellazione di macchie cutanee o altri effetti miracolosi. Ma l’intento di questo “brainwashing cosmetico” (come lo definisce il fondatore del movimento Julien Kaibeck) è certamente quello di spingere le persone a consumare sempre di più, anche a discapito della salute di pelle e ambiente!

La Slow Cosmetique è un invito a vivere in modo diverso la bellezza e la cura di sè.

E’ un invito a rapportarsi in modo diverso con l’industria dei prodotti cosmetici.

* * *

Il movimento ci propone di consumare meno prodotti e di optare per ingredienti di qualità, naturali, atossici e non inquinanti. …e perchè no, anche autoproducendo i cosmetici con ingredienti freschi e pertanto ricchi di nutrienti!

Criteri della Slow Cosmétique

La Slow Cosmetique (SC) usa alcuni criteri per definire un prodotto, un servizio o un gesto di bellezza. Nel definire questi criteri il fondatore del movimento, Julien Kaibeck, è partito dal presupposto che, pur nella sua unicità, tutti i tipi di pelle hanno gli stessi identici bisogni: pulizia, idratazione, protezione dalle aggressioni esterne (fisiche, chimiche, amientali), abbellimento.

I criteri previsti dalla Carta del movimento che definiscono come deve essere un COSMETICO secondo questa cosmesi alternativa sono:

1. intelligente: la SC risponde in modo adeguato e ragionato ai bisogni reali della pelle. Riconosce i bisogni dermatologici fondamentali quali la pulizia, l’idratazione e la protezione e vi risponde con prodotti e gesti sensati. Nei cosmetici slow vengono utilizzati ingredienti che apportino reali e positivi benefici alla pelle, evitando gli ingredienti inerti, inattivi o inutilmente trasformati.

2. ragionevole: la SC non crea nuovi bisogni e limita il numero dei prodotti e dei gesti necessari per mantenere in buona salute la pelle. Non formula promesse impossibili e, con atteggiamento assolutamente positivo e non ansiogeno, invita le persone a riflettere su ciascun atto di consumazione di un prodotto o di un servizio. Non rivendica l’esclusiva, ma confida negli ingredienti naturali attivi e benefici.

3. ecologico: la SC è pensata e praticata nel rispetto dell’ambiente. Essa privilegia gli ingredienti naturali e biologici che abbiano subìto meno trasformazioni possibili, escludendo gli ingredienti derivati dalla chimica di sintesi, dalla petrolchimica, dall’industria plastica e dallo sfruttamento animale, nonchè tutti gli ingredienti potenzialmente inquinanti per l’ambiente e per l’organismo. Si sforza di minimizzare l’impatto ecologico in tutte le sfere della sua attività senza alcuna eccezione, privilegiando la filiera corta e il commercio locale.

4. umano: i cosmetici Slow sono formulati ed utilizzati nel rispetto dell’uomo in tutta la sua complessità. La SC riconosce il bisogno di piacere provato dalle persone come una qualità e invita a coltivarlo in modo semplice. Invita l’uomo ad entrare in contatto diretto con la natura ed evitare quello con i prodotti sintetici. Essa disapprova tutte le forme di persuasione volte ad ingannare i consumatori. Sostiene l’acquisto di cosmetici ad un prezzo equo e ragionevole, che rifletta le reali qualità della formula e del servizio.

Questo movimento è rappresentato dall’Associazione non lucrativa Slow Cosmétique AISBL, ma esso comprende tutto l’insieme degli attori della sfera riguardante la cosmesi, da coloro che lavorano le materie prime fino alla produzione di prodotti finiti, attraverso la trasformazione, la distribuzione, la regolamentazione, la formazione e la diffusione di informazione.

Slow Cosmétique è anche un marchio, a garanzia che altri marchi o professionisti del settore non abusino dell’argomento per scopi ingannevoli o di profitto a discapito dei consumatori.

Prima di concludere, voglio lasciarvi una ricetta Slow con ingredienti semplici e facilmente reperibili, per produrvi da sole un cosmetico da usare quotidianamente.

Latte detergente “freschissimo”

Ricetta ideale per pelli miste o grasse, per un flacone da circa 200 ml

In una casseruola fate bollire per 5 minuti:

  • 1 piccolo bicchiere di latte intero
  • 1/3 di cetriolo sbucciato e grattugiato
  • 1 cucchiaino di miele

Lasciate raffreddare, quindi filtrate recuperando il latte in un recipiente con beccuccio. Aiutandovi con un imbuto, versate il latte in un flacone di vetro o di plastica (es. bottiglietta di olio o sciroppo). Disinfettate sempre il contenitore prima con alcol o vodka.

Per struccarvi versate su un dischetto di cotone il latte al cetriolo e passatelo varie volte sul viso. Il latte è adatto anche agli occhi, ma non rimuove il mascara waterproof. Questo latte si conserva in frigo per 10 giorni circa.

Moltissime altre cose si potrebbero ancora dire su questo movimento alternativo, ma se ho stimolato la vostra curiosità, potrete approfondire l’argomento sui canali che vi indico qui sotto!

  • Libro “Slow Cosmétique: consigli e ricette efficaci per una cosmesi eco-bio”, Julie Kaibeck, Il Punto d’Incontro 2014 (vedi foto)
  • Blog del fondatore Julien Kaibeck: www.lessentieldejulien.com
  • Sito ufficiale dell’Associazione: www.slow-cosmetique.org

    Découvrez la Slow Cosmétique

Spero di avervi ispirato a scoprire di più, ma soprattutto ad adottare qualche comportamento Slow in questa vita che è molto Fast!

Fammi sapere nei commenti se conosci già questo movimento e cosa ne pensi!

A presto!

Federica

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Inviaci la tua email per essere sempre aggiornata!

2 + 1 = ?